17 settembre

‱ 𝗔 𝗞đ—čđ—źđ—»đ—Žđ—Č𝗿 đ—łđ—¶đ—čđ—č𝘀 đ—±đ—żđ—Œđ—œ 𝗯𝘆 đ—±đ—żđ—Œđ—œ ‱

14 settembre

‱ 𝗞đ—čđ—źđ—»đ—Ž đ—œđ—żđ—Č𝘀. đ—„đ—¶đ˜€đ—¶đ—»đ—Ž ‱ (𝘀đ—Čđ—čđ—Čđ˜‡đ—¶đ—Œđ—»đ—¶ đ—Č 𝘀đ—Č𝘁 đ—¶đ—»đ˜đ—Čđ—żđ—±đ—¶đ˜€đ—°đ—¶đ—œđ—čđ—¶đ—»đ—źđ—żđ—¶ #đŸ±đŸŻ)
đŸ­đŸ± – đŸ­đŸ” 𝘀đ—Č𝘁𝘁đ—Čđ—ș𝗯𝗿đ—Č
,
7 settembre
‱ 𝗞đ—čđ—źđ—»đ—Ž đ—œđ—żđ—Č𝘀. đ—„đ—¶đ˜€đ—¶đ—»đ—Ž ‱ (𝘀đ—Čđ—čđ—Čđ˜‡đ—¶đ—Œđ—»đ—¶ đ—Č 𝘀đ—Č𝘁 đ—¶đ—»đ˜đ—Čđ—żđ—±đ—¶đ˜€đ—°đ—¶đ—œđ—čđ—¶đ—»đ—źđ—żđ—¶ #đŸ±đŸź)
𝟮 – 𝟭𝟼 𝘀đ—Č𝘁𝘁đ—Čđ—ș𝗯𝗿đ—Č

3 settembre

‱ 𝗔 𝗞đ—čđ—źđ—»đ—Žđ—Č𝗿 đ—¶đ˜€ 𝗼 đ—±đ—żđ—Č𝗼đ—șđ—Č𝗿 đ˜„đ—”đ—Œ đ—»đ—Č𝘃đ—Č𝗿 đ—Žđ—¶đ˜ƒđ—Č𝘀 đ˜‚đ—œ ‱

,

31 agosto

‱ 𝗞đ—čđ—źđ—»đ—Ž đ—œđ—żđ—Č𝘀. đ—„đ—¶đ˜€đ—¶đ—»đ—Ž ‱ (𝘀đ—Čđ—čđ—Čđ˜‡đ—¶đ—Œđ—»đ—¶ đ—Č 𝘀đ—Č𝘁 đ—¶đ—»đ˜đ—Čđ—żđ—±đ—¶đ˜€đ—°đ—¶đ—œđ—čđ—¶đ—»đ—źđ—żđ—¶ #đŸ±đŸ­)
𝟭 – đŸ± 𝘀đ—Č𝘁𝘁đ—Čđ—ș𝗯𝗿đ—Č

27 agosto

‱ đ—Șđ—”đ—Č𝗿đ—Č đ˜đ—”đ—Č𝗿đ—Č đ—¶đ˜€ đ—±đ—żđ—Č𝗼đ—ș đ˜đ—”đ—Č𝗿đ—Č đ—¶đ˜€ 𝗞đ—čđ—źđ—»đ—Ž ‱

,

25 agosto

đ˜”đ˜°đ˜·đ˜Șđ˜źđ˜Šđ˜Żđ˜”đ˜°, đ˜Žđ˜”đ˜łđ˜¶đ˜”đ˜”đ˜¶đ˜łđ˜ą, đ˜Šđ˜·đ˜ąđ˜Żđ˜Šđ˜Žđ˜€đ˜Šđ˜Żđ˜»đ˜ą, đ˜”đ˜łđ˜ąđ˜Žđ˜§đ˜°đ˜łđ˜źđ˜Ș𝘮𝘼𝘰, đ˜Șđ˜źđ˜źđ˜ąđ˜Żđ˜Šđ˜Żđ˜»đ˜ą, đ˜§đ˜ąđ˜·đ˜Ș𝘭𝘭𝘱, đ˜”đ˜Šđ˜Żđ˜Žđ˜Ș𝘰𝘯𝘩, đ˜§đ˜Šđ˜łđ˜źđ˜Šđ˜Żđ˜”đ˜°, đ˜°đ˜Žđ˜€đ˜¶đ˜łđ˜Șđ˜”đ˜ąÌ€, đ˜ąđ˜€đ˜€đ˜Šđ˜€đ˜ąđ˜Żđ˜”đ˜Š 𝘣𝘳đ˜Șđ˜­đ˜­đ˜ąđ˜Żđ˜”đ˜Šđ˜»đ˜»đ˜ą, đ˜„đ˜Šđ˜Žđ˜”đ˜łđ˜¶đ˜”đ˜”đ˜¶đ˜łđ˜ąđ˜»đ˜Ș𝘰𝘯𝘩, 𝘳đ˜Șđ˜€đ˜°đ˜­đ˜­đ˜°đ˜€đ˜ąđ˜źđ˜Šđ˜Żđ˜”đ˜°, đ˜łđ˜Šđ˜­đ˜ąđ˜”đ˜Șđ˜·đ˜Șđ˜”đ˜ąÌ€, đ˜·đ˜Șđ˜łđ˜”đ˜¶đ˜ąđ˜­đ˜Șđ˜”đ˜ąÌ€, 𝘧đ˜Ș𝘮đ˜Șđ˜€đ˜Șđ˜”đ˜ąÌ€, đ˜Șđ˜Žđ˜”đ˜Șđ˜Żđ˜”đ˜°, đ˜Șđ˜łđ˜łđ˜ąđ˜»đ˜Ș𝘰𝘯𝘱𝘭đ˜Șđ˜”đ˜ąÌ€, đ˜·đ˜Șđ˜Łđ˜łđ˜ąđ˜»đ˜Ș𝘰𝘯𝘩, đ˜źđ˜¶đ˜”đ˜ąđ˜»đ˜Ș𝘰𝘯𝘩, đ˜€đ˜Šđ˜łđ˜”đ˜Šđ˜»đ˜»đ˜ą đ˜„đ˜Šđ˜­đ˜­â€™đ˜Șđ˜Żđ˜€đ˜Šđ˜łđ˜”đ˜°, đ˜Șđ˜Żđ˜Žđ˜”đ˜ąđ˜Łđ˜Ș𝘭đ˜Șđ˜”đ˜ąÌ€ đ˜„đ˜Šđ˜­ đ˜”đ˜¶đ˜”đ˜”đ˜°.
đ˜—đ˜ąđ˜Žđ˜Žđ˜ąđ˜”đ˜Ș𝘮𝘼𝘰 đ˜§đ˜¶đ˜”đ˜¶đ˜łđ˜Șđ˜Žđ˜”đ˜ą 𝘩 𝘳đ˜Șđ˜€đ˜°đ˜źđ˜±đ˜°đ˜Žđ˜Șđ˜»đ˜Ș𝘰𝘯𝘩 đ˜łđ˜ąđ˜„đ˜Șđ˜€đ˜ąđ˜­đ˜Š.
đ˜đ˜źđ˜źđ˜ąđ˜”đ˜Šđ˜łđ˜Ș𝘱𝘭𝘩 𝘩 đ˜€đ˜ąđ˜­đ˜Šđ˜Șđ˜„đ˜°đ˜Žđ˜€đ˜°đ˜±đ˜Șđ˜€đ˜° 𝘼𝘰𝘮𝘱đ˜Șđ˜€đ˜° đ˜„đ˜Šđ˜­đ˜­â€™đ˜ąđ˜”đ˜”đ˜¶đ˜ąđ˜­đ˜Š 𝘩 đ˜„đ˜Šđ˜­ 𝘳𝘩𝘱𝘭𝘩

24 agosto

‱ 𝗞đ—čđ—źđ—»đ—Ž đ—œđ—żđ—Č𝘀. đ—„đ—¶đ˜€đ—¶đ—»đ—Ž ‱ (𝘀đ—Čđ—čđ—Čđ˜‡đ—¶đ—Œđ—»đ—¶ đ—Č 𝘀đ—Č𝘁 đ—¶đ—»đ˜đ—Čđ—żđ—±đ—¶đ˜€đ—°đ—¶đ—œđ—čđ—¶đ—»đ—źđ—żđ—¶ #đŸ±đŸŹ)
𝟼đŸČ – đŸźđŸ” đ—źđ—Žđ—Œđ˜€đ˜đ—Œ

,

20 agosto

‱ đ——đ—Œ đ—¶đ˜ đ˜„đ—¶đ˜đ—” 𝗞đ—čđ—źđ—»đ—Ž đ—Œđ—ż đ—»đ—Œđ˜ 𝗼𝘁 𝗼đ—čđ—č ‱

17 agosto

‱ 𝗞đ—čđ—źđ—»đ—Ž đ—œđ—żđ—Č𝘀. đ—„đ—¶đ˜€đ—¶đ—»đ—Ž ‱ (𝘀đ—Čđ—čđ—Čđ˜‡đ—¶đ—Œđ—»đ—¶ đ—Č 𝘀đ—Č𝘁 đ—¶đ—»đ˜đ—Čđ—żđ—±đ—¶đ˜€đ—°đ—¶đ—œđ—čđ—¶đ—»đ—źđ—żđ—¶ #đŸ’đŸ”)
𝟭𝟮 – 𝟼𝟼 đ—źđ—Žđ—Œđ˜€đ˜đ—Œ

,

14 agosto

‱ đ—§đ—”đ—Č 𝗞đ—čđ—źđ—»đ—Žđ—Č𝗿 đ—”đ—źđ˜€ đ—»đ—Œ đ˜„đ—żđ—¶đ—»đ—žđ—čđ—Č𝘀 ‱

10 agosto

‱ 𝗞đ—čđ—źđ—»đ—Ž đ—œđ—żđ—Č𝘀. đ—„đ—¶đ˜€đ—¶đ—»đ—Ž ‱ (𝘀đ—Čđ—čđ—Čđ˜‡đ—¶đ—Œđ—»đ—¶ đ—Č 𝘀đ—Č𝘁 đ—¶đ—»đ˜đ—Čđ—żđ—±đ—¶đ˜€đ—°đ—¶đ—œđ—čđ—¶đ—»đ—źđ—żđ—¶ #𝟒𝟮)
𝟭𝟭 – đŸ­đŸ± đ—źđ—Žđ—Œđ˜€đ˜đ—Œ

Programmazione klang
,

6 agosto

‱ 𝗡đ—Č𝘃đ—Č𝗿 𝗿đ—Č𝗮𝗿đ—Č𝘁 đ—źđ—»đ˜†đ˜đ—”đ—¶đ—»đ—Ž đ˜đ—”đ—źđ˜ đ—șđ—źđ—±đ—Č đ˜†đ—Œđ˜‚ 𝗞đ—čđ—źđ—»đ—Ž ‱

3 agosto

‱ 𝗞đ—čđ—źđ—»đ—Ž đ—œđ—żđ—Č𝘀. đ—„đ—¶đ˜€đ—¶đ—»đ—Ž ‱ (𝘀đ—Čđ—čđ—Čđ˜‡đ—¶đ—Œđ—»đ—¶ đ—Č 𝘀đ—Č𝘁 đ—¶đ—»đ˜đ—Čđ—żđ—±đ—¶đ˜€đ—°đ—¶đ—œđ—čđ—¶đ—»đ—źđ—żđ—¶ #𝟒𝟳)
𝟰 – 𝟮 đ—źđ—Žđ—Œđ˜€đ˜đ—Œ

,

30 luglio

‱ 𝗟đ—Č𝘁 đ—čđ—¶đ—łđ—Č 𝗞đ—čđ—źđ—»đ—Ž đ˜†đ—Œđ˜‚ ‱

27 luglio

‱ 𝗞đ—čđ—źđ—»đ—Ž đ—œđ—żđ—Č𝘀. đ—„đ—¶đ˜€đ—¶đ—»đ—Ž ‱ (𝘀đ—Čđ—čđ—Čđ˜‡đ—¶đ—Œđ—»đ—¶ đ—Č 𝘀đ—Č𝘁 đ—¶đ—»đ˜đ—Čđ—żđ—±đ—¶đ˜€đ—°đ—¶đ—œđ—čđ—¶đ—»đ—źđ—żđ—¶ #𝟒đŸČ)
𝟼𝟮 đ—č𝘂𝗮đ—čđ—¶đ—Œ – 𝟭 đ—źđ—Žđ—Œđ˜€đ˜đ—Œ

,

23 luglio

‱ đ—Ÿđ—¶đ—łđ—Č đ˜„đ—¶đ˜đ—”đ—Œđ˜‚đ˜ 𝗞đ—čđ—źđ—»đ—Ž đ˜„đ—Œđ˜‚đ—čđ—± 𝗯đ—Č 𝗼 đ—șđ—¶đ˜€đ˜đ—źđ—žđ—Č ‱

20 luglio

‱ 𝗞đ—čđ—źđ—»đ—Ž đ—œđ—żđ—Č𝘀. đ—„đ—¶đ˜€đ—¶đ—»đ—Ž ‱ (𝘀đ—Čđ—čđ—Čđ˜‡đ—¶đ—Œđ—»đ—¶ đ—Č 𝘀đ—Č𝘁 đ—¶đ—»đ˜đ—Čđ—żđ—±đ—¶đ˜€đ—°đ—¶đ—œđ—čđ—¶đ—»đ—źđ—żđ—¶ #đŸ’đŸ±)
𝟼𝟭 – đŸźđŸ± đ—č𝘂𝗮đ—čđ—¶đ—Œ

,

16 luglio

‱ đ—Šđ—Œ đ—șđ—źđ—»đ˜† 𝗞đ—čđ—źđ—»đ—Žđ˜€, đ˜€đ—Œ đ—čđ—¶đ˜đ˜đ—čđ—Č đ˜đ—¶đ—șđ—Č ‱

13 luglio

‱ 𝗞đ—čđ—źđ—»đ—Ž đ—œđ—żđ—Č𝘀. đ—„đ—¶đ˜€đ—¶đ—»đ—Ž ‱ (𝘀đ—Čđ—čđ—Čđ˜‡đ—¶đ—Œđ—»đ—¶ đ—Č 𝘀đ—Č𝘁 đ—¶đ—»đ˜đ—Čđ—żđ—±đ—¶đ˜€đ—°đ—¶đ—œđ—čđ—¶đ—»đ—źđ—żđ—¶ #𝟒𝟰)
𝟭𝟰 – 𝟭𝟮 đ—č𝘂𝗮đ—čđ—¶đ—Œ
,

9 luglio

‱ 𝗘𝘃đ—Čđ—żđ˜†đ˜đ—”đ—¶đ—»đ—Ž đ˜†đ—Œđ˜‚â€™đ˜ƒđ—Č đ—Č𝘃đ—Č𝗿 𝗞đ—čđ—źđ—»đ—Žđ—Čđ—± đ—¶đ˜€ đ—Œđ—» đ˜đ—”đ—Č đ—Œđ˜đ—”đ—Č𝗿 đ˜€đ—¶đ—±đ—Č đ—Œđ—ł 𝗳đ—Č𝗼𝗿 ‱

6 luglio

‱ 𝗞đ—čđ—źđ—»đ—Ž đ—œđ—żđ—Č𝘀. đ—„đ—¶đ˜€đ—¶đ—»đ—Ž ‱ (𝘀đ—Čđ—čđ—Čđ˜‡đ—¶đ—Œđ—»đ—¶ đ—Č 𝘀đ—Č𝘁 đ—¶đ—»đ˜đ—Čđ—żđ—±đ—¶đ˜€đ—°đ—¶đ—œđ—čđ—¶đ—»đ—źđ—żđ—¶ #𝟒𝟯)
𝟳 – 𝟭𝟭 đ—č𝘂𝗮đ—čđ—¶đ—Œ

,

2 luglio

‱ đ—„đ—Čđ—șđ—Čđ—ș𝗯đ—Č𝗿, đ˜đ—Œđ—±đ—źđ˜† đ—¶đ˜€ đ˜đ—”đ—Č đ˜đ—Œđ—șđ—Œđ—żđ—żđ—Œđ˜„ đ˜†đ—Œđ˜‚ 𝗞đ—čđ—źđ—»đ—Žđ—Čđ—± đ—źđ—Żđ—Œđ˜‚đ˜ 𝘆đ—Č𝘀𝘁đ—Čđ—żđ—±đ—źđ˜† ‱

29 giugno

‱ 𝗞đ—čđ—źđ—»đ—Ž đ—œđ—żđ—Č𝘀. đ—„đ—¶đ˜€đ—¶đ—»đ—Ž ‱ (𝘀đ—Čđ—čđ—Čđ˜‡đ—¶đ—Œđ—»đ—¶ đ—Č 𝘀đ—Č𝘁 đ—¶đ—»đ˜đ—Čđ—żđ—±đ—¶đ˜€đ—°đ—¶đ—œđ—čđ—¶đ—»đ—źđ—żđ—¶ #𝟒𝟼)
𝟯𝟬 đ—Žđ—¶đ˜‚đ—Žđ—»đ—Œ – 𝟰 đ—č𝘂𝗮đ—čđ—¶đ—Œ
,

25 giugno

‱ 𝗛𝗼𝘃đ—Č đ˜†đ—Œđ˜‚ đ—Č𝘃đ—Č𝗿 đ—±đ—źđ—»đ—°đ—Čđ—± đ˜„đ—¶đ˜đ—” 𝗼 𝗞đ—čđ—źđ—»đ—Žđ—Č𝗿 đ—¶đ—» đ˜đ—”đ—Č đ—œđ—źđ—čđ—Č đ—șđ—Œđ—Œđ—»đ—čđ—¶đ—Žđ—”đ˜? ‱

22 giugno

‱ 𝗞đ—čđ—źđ—»đ—Ž đ—œđ—żđ—Č𝘀. đ—„đ—¶đ˜€đ—¶đ—»đ—Ž ‱ (𝘀đ—Čđ—čđ—Čđ˜‡đ—¶đ—Œđ—»đ—¶ đ—Č 𝘀đ—Č𝘁 đ—¶đ—»đ˜đ—Čđ—żđ—±đ—¶đ˜€đ—°đ—¶đ—œđ—čđ—¶đ—»đ—źđ—żđ—¶ #𝟒𝟭)
𝟼𝟯-𝟼𝟳 đ—Žđ—¶đ˜‚đ—Žđ—»đ—Œ

,

18 giugno

‱ 𝗞đ—čđ—źđ—»đ—Ž đ—¶đ˜€ đ—źđ—» đ—Čđ˜…đ—°đ˜‚đ—żđ˜€đ—¶đ—Œđ—» đ—¶đ—»đ˜đ—Œ đ˜đ—”đ—Č đ—čđ—¶đ—șđ—Żđ—Œ đ—Œđ—ł đ˜đ—”đ—¶đ—»đ—Žđ˜€, 𝗼 𝘀đ—Čđ—șđ—¶-đ—čđ—¶đ—Żđ—Čđ—żđ—źđ˜đ—¶đ—Œđ—» đ—łđ—żđ—Œđ—ș đ˜đ—”đ—Č đ—”đ˜‚đ—șđ—źđ—» đ—œđ—żđ—¶đ˜€đ—Œđ—» ‱

15 giugno

‱ 𝗞đ—čđ—źđ—»đ—Ž đ—œđ—żđ—Č𝘀. đ—„đ—¶đ˜€đ—¶đ—»đ—Ž ‱ (𝘀đ—Čđ—čđ—Čđ˜‡đ—¶đ—Œđ—»đ—¶ đ—Č 𝘀đ—Č𝘁 đ—¶đ—»đ˜đ—Čđ—żđ—±đ—¶đ˜€đ—°đ—¶đ—œđ—čđ—¶đ—»đ—źđ—żđ—¶ #𝟒𝟎)
𝟏𝟕-𝟐𝟎 đ—Žđ—¶đ˜‚đ—Žđ—»
,
11 giugno 2021
‱ 𝗜𝘁 đ—”đ—źđ—œđ—œđ—Čđ—»đ—Čđ—± đ—źđ—Žđ—źđ—¶đ—».
đ—Șđ—Č 𝗼𝗿đ—Č đ—¶đ—șđ—șđ—Œđ—żđ˜đ—źđ—č. đ˜€đ—”đ—źđ—Żđ—Żđ˜†. đ—șđ—¶đ˜€đ—Č𝗿𝗼𝗯đ—čđ—Č. ‱
8 giugno 2021
‱ 𝗞đ—čđ—źđ—»đ—Ž đ—œđ—żđ—Č𝘀. đ—„đ—¶đ˜€đ—¶đ—»đ—Ž ‱ (𝘀đ—Čđ—čđ—Čđ˜‡đ—¶đ—Œđ—»đ—¶ đ—Č 𝘀đ—Č𝘁 đ—¶đ—»đ˜đ—Čđ—żđ—±đ—¶đ˜€đ—°đ—¶đ—œđ—čđ—¶đ—»đ—źđ—żđ—¶ #đŸ‘đŸ”)
𝟭𝟬-𝟭𝟯 đ—Žđ—¶đ˜‚đ—Žđ—»đ—Œ
,

4 giugno 2021

‱ đ—Ąđ—Œ đ—Œđ—»đ—Č đ—žđ—»đ—Œđ˜„đ˜€ đ—Č𝘅𝗼𝗰𝘁đ—č𝘆 đ˜„đ—”đ—źđ˜ đ—”đ—źđ—œđ—œđ—Čđ—»đ˜€ đ˜đ—”đ—Č𝗿đ—Č. 𝗕𝘂𝘁 đ—¶đ˜’𝘀 𝗰đ—Čđ—żđ˜đ—źđ—¶đ—»đ—č𝘆 đ˜€đ—Œđ—șđ—Čđ˜đ—”đ—¶đ—»đ—Ž đ—¶đ—»đ—°đ—żđ—Čđ—±đ—¶đ—Żđ—čđ—Č.‱

2 giugno 2021
‱ 𝗞đ—čđ—źđ—»đ—Ž đ—œđ—żđ—Č𝘀. đ—„đ—¶đ˜€đ—¶đ—»đ—Ž ‱ (𝘀đ—Čđ—čđ—Čđ˜‡đ—¶đ—Œđ—»đ—¶ đ—Č 𝘀đ—Č𝘁 đ—¶đ—»đ˜đ—Čđ—żđ—±đ—¶đ˜€đ—°đ—¶đ—œđ—čđ—¶đ—»đ—źđ—żđ—¶ #𝟑𝟮)
𝟯-đŸČ đ—Žđ—¶đ˜‚đ—Žđ—»đ—Œ
,

27 maggio 2021

‱ 𝗞đ—čđ—źđ—»đ—Ž đ—¶đ˜€ đ˜đ—”đ—Č đ—œđ—č𝗼𝗰đ—Č đ˜„đ—”đ—Č𝗿đ—Č đ˜đ—”đ—Č “đ˜„đ—”đ—Čđ—»” đ—źđ—»đ—± đ˜đ—”đ—Č “đ˜„đ—”đ—Č𝗿đ—Č” đ—șđ—Čđ—Č𝘁 đ—¶đ—» 𝗼 đ˜€đ—œđ—Œđ—»đ˜đ—źđ—»đ—Čđ—Œđ˜‚đ˜€ đ—źđ—»đ—± đ˜€đ˜†đ—»đ—°đ—”đ—żđ—Œđ—»đ—¶đ˜‡đ—Čđ—± 𝘄𝗼𝘆. ‱⁣

26 maggio 2021
‱ 𝗞đ—čđ—źđ—»đ—Ž đ—œđ—żđ—Č𝘀. đ—„đ—¶đ˜€đ—¶đ—»đ—Ž ‱
(𝘀đ—Čđ—čđ—Čđ˜‡đ—¶đ—Œđ—»đ—¶ đ—Č 𝘀đ—Č𝘁 đ—¶đ—»đ˜đ—Čđ—żđ—±đ—¶đ˜€đ—°đ—¶đ—œđ—čđ—¶đ—»đ—źđ—żđ—¶ #𝟑𝟳) 𝟼𝟳-𝟯𝟬 đ—șđ—źđ—Žđ—Žđ—¶đ—Œ
,
21 maggio 2021
Ne ù passato di tempo dall’ultima Tap List, Klangers.
Ora godetevela, Ăš tutta vostra.
1. Birrificio del Doge – Pils (Pils, 5%);
2. Sori Brewing – Investor IPA (IPA, 6.9%);
3. Cierzo Brewing Co. – Tsunami (Hazy D.IPA, 8.5%);
4. Cierzo Brewing Co. – Tarantula (Black IPA, 6.4%);
5. Reservoir Dogs brewery – Crux (Mango & Passion Fruit Gose, 5%);
6. Buxton Brewery Company x Omnipollo – Yellow Belly vintage 2019 (Bourbon B.A. Vanilla, Cocoa & Penaut Butter Biscuit Imperial Stout, 11%).
19 maggio 2021
Bentrovati Klangers.
Oggi ci sono tante, troppe novitĂ .
Partiamo da quella principale: il Klang Ăš pronto a ripartire con il KlanGarten, il nuovo spazio del suono e del sogno.
All’aperto, a prova di ipocondriaci e claustrofobici.

Riparte la Tap List ogni settimana, perché sappiamo che la nostalgia dei nostri nettari si era fatta troppo violenta.

Ripartono le nostre experiences sonore in una nuova veste che non vi aspettavate: all’aperto e sotto il sole del Pigneto.
E per il food? Non preoccupatevi: preparate le fauci, presto in arrivo ricchi premi, cotillon e un nuovo menu.
È mutato.
K̶l̶a̶n̶g̶ ̶H̶y̶b̶r̶i̶d̶e̶n̶ > Klang Rising
Torniamo a sognare insieme, ancora.
‱ Klang pres. Rising ‱ (selezioni e set interdisciplinari #36)
21-23 maggio
,

17 maggio 2021

«HYPERSTITION»
IL PRIMO NFT DEL KLANG È FUORI ORA

«Le iperstizioni sono rappresentazioni della realtà, concezioni, credenze, interpretazioni, comportamenti il cui fondamento principale sono il marketing concettuale e la diffusione massiva attraverso i media digitali.»

Hyperstition Ăš un intenso viaggio all’interno dell’idea di iperstizione del filosofo inglese Nick Land, attraverso un’esperienza ipnotica A/V di suoni crudi e profondi, voci ammalianti e immagini stranianti.

14 minuti di alta qualità creati a garantiti da artisti come: Marco Bonini, Ludovica Manzo, Cosimo Damiano, Miracle of Love, Ermanno Baron, Capibara.

Recorded at Klang by N:CK (NicolĂČ Temperini);
Mixed and mastered at LRS Factory – Recording & Mastering Solutions by Luigi Di Filippo dj d lewis official

Tutte le informazioni sul primo NFT del Klang sono qui:

https://foundation.app/klangroma/klang-pres-hyperstition-36447

 

15 maggio 2021
KLANG’S FIRST NFT PREVIEW
Almost ready to drop
Il primo estratto del work-in-progress del primo NFT del Klang.
A voi qualcosa di cui cibarvi, qui.
,

7 maggio 2021

NFT FAQ

Cos’ù un NFT?

Un NFT (Non Fungible Token) ù un ‘token crittografato’ che rappresenta un contenuto digitale unico e, per l’appunto, non fungibile, intercambiabile. In pratica si tratta di un ‘certificato di autenticità e proprietà’ associato ed intrinseco ad una determinata opera d’arte di natura prevalentemente digitale. Un NFT determina, certifica e garantisce quindi la “scarsità digitale” di un determinato contenuto.

Perché Ú figo?

Innanzi tutto identifica l’autenticitĂ  e garantisce la proprietĂ  di un determinato contenuto artistico digitale, in netto contrasto con la sua potenzialmente infinita diffusione online. Si tratta inoltre di un modo completamente parallelo e indipendente per comprare, vendere e collezionare arte avendo certezza della sua autenticitĂ , esclusivitĂ  e, soprattutto, unicitĂ . Attraverso un proprio mercato completamente autosufficiente e per sua stessa natura orizzontale, slegato da qualsiasi logica ‘tradizionale’ di compravendita di opere, il mercato dei NFT equipara di fatto l’arte digitale (e con essa intendiamo musica, sound art, video art, grafica, illustrazione, animazione, ecc…) all’arte intesa come in qualsiasi altra forma e natura. Opere digitali non screditate in quanto tali, quindi, ma elevate al rango, appunto, di “arte”, attraverso la possibilitĂ  di certificare la loro incontrovertibile autenticitĂ  e proprietĂ , oltre che di essere scambiate al loro giusto valore: non in quanto “copia X” di “N copie” potenzialmente infinite (quindi senza alcun valore, o di valore molto basso), bensĂŹ in quanto asset di carattere unico (o comunque estremamente limitato).

Non so se ho capito, mi fai un esempio?

La metafora piĂč semplice e calzante, consiste nel pensare ad un NFT come ad un quadro o una scultura acquistati fisicamente in una determinata galleria, in contrapposizione all’immagine di quella stessa opera facilmente reperibile su qualsiasi motore di ricerca. A dispetto delle loro “rappresentazioni” online, quel quadro o quella scultura esistono in quanto pezzi unici che una volta in mano al loro acquirente appartengono a quell’acquirente, il quale potrĂ  decidere di tenerli per sĂ©, rivenderli, chiuderli in cassaforte, metterli in bella mostra nel proprio soggiorno, o semplicemente godere della loro bellezza. Non sarĂ  dunque possibile per nessun altro disporre di quella determinata opera, salvo che non la acquisti dal legittimo proprietario se questi decidesse di metterla in vendita.

Che c’entra con il Klang?

In quanto golosi fruitori di arte in ogni sua sfaccettatura, nonchĂ© costantemente alla ricerca di nuove forme e linguaggi con cui poterla declinare e divulgare, l’idea di intraprendere anche questa nuova strada, potenzialmente piĂč egualitaria e remunerativa per gli artisti, nonchĂ© slegata dalle pesanti logiche tradizionali di pubblicazione, distribuzione e vendita, ci sembra interessante sotto molteplici punti di vista. Nobilitare e restituire valore all’arte digitale in quanto tale, donandole una sua dimensione di credibilitĂ  e contribuendo a darle il peso che merita, Ăš giĂ  di per sĂ© un obiettivo che vale la pena perseguire e che Ăš finalmente in questo modo perseguibile. Parlando di ciĂČ che ci riguarda piĂč da vicino, quindi il suono e la musica, Ăš invece molto chiaro e da molto piĂč di svariati anni che sia necessario trovare formule alternative in grado di raggiungere un equilibrio fra la sostenibilitĂ  economica per gli artisti, una qualche stabilitĂ  per il mercato ed una dimensione di valore della fruibilitĂ  da parte del pubblico. Indipendentemente dal futuro e dal percorso che seguirĂ  la logica classica di produzione e diffusione musicale (che va in ogni caso ovviamente salvaguardata e tutelata), il mondo dei NFT si pone come un’alternativa parallela e mai in contrasto, valida, reale e tangibile. In tal senso, permette inoltre di esplorare nuove forme e linguaggi creativi, dando la possibilitĂ  di sperimentare un nuovo mercato con nuove idee, svincolate da sovrastrutture concettuali di alcun genere e dove Ăš ancora possibile intraprendere veramente ogni strada creativa, esistente e non. Cavalcando questo pensiero, abbiamo deciso di interpretare il discorso a modo nostro, cercando coesioni fra artisti apparentemente distanti fra loro e provando a generare un flusso di coscienze attraverso suoni ed immagini, che fosse fluido, naturale, libero da rigide concezioni di formato, lunghezza, stile o genere. Attraverso una tematica forte che innescasse il meccanismo ed il flusso creativo, abbiamo sviluppato un’opera che abbiamo pensato per essere NFT e che rappresenta la nostra interpretazione di quello che un’opera in NFT potrebbe essere.

Qual Ăš il tema? Chi ci suona?

Abbiamo scelto la tematica dell’iperstizione, a partire dalla formulazione teorica piĂč famosa del filosofo inglese Nick Land: il concetto di iperstizione (hyperstition), Ăš descritto da Land come un “elemento di cultura effettuale che si fa realtĂ , attraverso una massa immaginaria funzionante come potenzialitĂ  che viaggia nel tempo”. “L’hype fa effettivamente succedere le cose, usando la fede come forza positiva. Solo perchĂ© una cosa non Ăš ‘vera’ adesso, non vuol dire che non lo sarĂ  in qualche punto del futuro. E una volta che diventa reale, Ăš come se lo fosse sempre stata”. L’iperstizione funziona di fatto come un sigillo magico (si spiega cosĂŹ la passione di Land e compagni per la tradizione magico-occulta dei vari Aleister Crowley e Austin Osman Spare): una volta “calata” nella realtĂ , si attiva in modo da piegare la realtĂ  all’Iperstizione stessa. Tecnicamente, Ăš il futuro che interviene sul presente, indirizzandolo ai propri fini. Di fatto ci piaceva giocare sul rapporto/contrapposizione fra fede ritualistico-magica a rappresentazione del “passato”, e l’ipermodernitĂ  intesa dal punto di vista della gestione mediatico-digitale dell’informazione e dei suoi effetti sul mondo reale, come rappresentazione del “presente” (futuro?).
Questa contrapposizione/non contrapposizione tematica, tradotta in immagini e suoni da Marco Bonini, Ludoviza Manzo, Ermanno Baron, Cosimo Damiano, Miracle of Love e, per la parte visuale, Capibara, diviene un’opera che parla astrattamente di se stessa, del panorama musicale, dell’arte digitale e del mondo stesso dei NFT. Un viaggio di osservazione e da ossevatori che procedendo di impulsi creativi, descrive l’Iperstizione come costante umana e sociale, trasversale alle epoche ed ai mezzi di cui si serve così come ai linguaggi in cui si esprime.

Ma potrĂČ acquistare/ascoltare/vedere/reperire/scaricare la “release” anche sui soliti canali?
Bandcamp, Spotify, Youtube, Vimeo, ecc…?

No. Insito nel concetto stesso di NFT Ăš esattamente e proprio il fatto che si tratti di un contenuto esclusivo, unicamente a disposizione del collezionista che decida di acquistarlo.
Non va interpretata come una qualsiasi “release” il cui obiettivo primario sia la massima divulgazione, ma come un prodotto da collezione a se stante, pensato per essere un unicum e proprio per questa ragione prezioso e insostituibile. Non bisogna approcciare all’idea dei NFT come fossero la regolare uscita di un album o di un video, poichĂ© Ăš il paradigma stesso di concepimento e di scambio ad essere diverso e assolutamente parallelo. CosĂŹ come il quadro sarebbe in vendita esclusivamente nella galleria il cui curatore lo abbia selezionato, cosĂŹ un NFT risiede sul marketplace sul quale viene “coniato” e rimane in vendita su di esso come pezzo unico (o entro numeri estremamente contenuti). Questo accresce enormemente il valore intrinseco della singola opera, che diventa quindi un investimento a sostegno dell’artista, oltre che un asset di valore che puĂČ crescere nel tempo per chi lo acquisti. Tale valore puĂČ circolare solamente attraverso la compravendita fra il collezionista proprietario ed il collezionista acquirente, generando un rapporto assolutamente intimo e personale con l’opera per il proprietario della stessa.

Come avete pensato il vostro NFT? Cos’ha il NFT del Klang di diverso dagli altri?

Trattandosi di un territorio ancora in gran parte inesplorato, ad oggi Ăš possibile vedere NFT di qualsiasi tipologia, fattura, formato e tematica.

Molti dei token sviluppati negli ultimi mesi, mostrano come si tratti di un mondo in fase embrionale, dove non sia ancora stato raggiunto un vero e proprio “standard produttivo”, e cioĂš di quale possa essere la tipologia di opera piĂč adatta a proliferare in questo specifico ambiente.

Parlando dal punto di vista strettamente musicale, molti artisti stanno cercando di “tradurre” il concetto di una normale uscita discografica nel linguaggio NFT, mantenendo lo stesso tipo di paradigma consolidato (singolo, EP, album + copertina e videoclip). Molti altri stanno invece sviluppando contenuti di natura prevalentemente diversa dal proprio percorso precedente, attraverso animazioni sonorizzate o estratti di pura sound art, solitamente accostati a brevi video, grafiche, immagini e GIF.

Considerando il mondo NFT come un medium nuovo e completamente a se stante, svincolato dalle concezioni storicizzate, come Klang ci siamo interrogati su quale potesse essere il linguaggio piĂč adatto ad interpretare artisticamente tale realtĂ  e le sue caratteristiche peculiari.

Riflettendo sul concetto di unicità del “prodotto”, abbiamo dunque scelto di muoverci all’interno del discorso dell’improvvisazione, cristallizzando e suggellando l’opera al preciso intervallo di tempo e di spazio in cui si sia stata vissuta e realizzata, e rendendola irripetibile a livello intrinseco oltre che dal punto di vista della sua reperibilità.

Dal punto di vista piĂč pratico, si tratta di una “concept-suite” guidata dalla tematica dell’Iperstizione precedentemente illustrata, e nata dall’intersezione fra le sensibilitĂ  degli artisti che vi hanno partecipato (volutamente distanti fra loro per sonoritĂ  e background), nonchĂ© dall’empatia linguistica da essi raggiunta mentre l’opera stessa prendeva vita.

Centrare l’attenzione su un qualcosa che fosse caduco di per sĂ© e immortalarlo in un’opera che divenisse un NFT, senza “limiti” di genere o di formato, ma con l’unico dictat di un flusso creativo libero, ispirato da una tematica fortemente evocativa e innescato dal rapporto stesso fra i musicisti in quel preciso “hic et nunc”, ci sembrava la formula piĂč efficace, funzionale e sensata di declinare il nostro approccio a questo mondo.

30 Aprile 2021

Klangs Almanach #7⁣

IOKOI – Tales of Another Felt Sense of Self EP⁣
(26/03/2021 – Shutter Music)⁣

 

Un progetto immersivo a 360 gradi quello del nuovo EP dell’artista svizzera IOKOI, pensato per essere accompagnato dalle immagini appositamente sviluppate per il booklet, i videoclip e persino da una fragranza per ambienti da diffondere nella stanza durante l’ascolto.⁣

Al di lĂ  di questa sfiziosa iniziativa, l’esperienza meramente uditiva Ăš giĂ  piĂč che completa ed appagante di per sĂ©.⁣

La voce di IOKOI si perde e si fonde su tessiture sonore a tratti sblilenche e destabilizzanti, smembrando il concetto di “canzone” in brani che divengono liquidi, carezzevoli, coinvolgenti, intimi, fluidi e coerenti, anche se dove conduca effettivamente il deflusso, ù sempre nuovo e inaspettato.⁣

‱ Spotify: âœ”ïžâŁ

‱ Youtube: âœ”ïžâŁ

‱ Bandcamp: ✔ (versione digitale, versione digitale  booklet e profumo per ambienti)

,

26 aprile 2021

Klangs Almanach #6⁣
⁣
Beyond the black rainbow⁣
2010, Canada⁣
Panos Cosmatos⁣
⁣
“Creare un film che fosse l’immaginazione di un vecchio film che non esiste” Ăš il dichiarato intento di Cosmatos, che intorno alla tipica storia dello scienziato pazzo riesce a costruire una visione onirica e pesantemente allucinatoria.
Un trance film postmoderno che deve molto alle sperimentazioni fantascientifiche di Kubrick e Tarkovskij, con una colonna sonora composta da Jeremy Schmidt e ispirata a Penderecki, Ligeti, Moroder e Tangerine Dream.
⁣⁣
A cura di Elisabetta Di Carlo

23 aprile 2021

Klangs Almanach #5

Ludgate Squatter – No Endorphins EP
(17/03/2021 – Body Musick)

Nuovo EP per il cattivone scozzese Ludgate Squatter, impreziosito da un artwork firmato niente-popo-di-meno-che da mr. Filmmaker.
Sporco, polveroso, incrostato e arrugginito, No Endorphins Ăš un lo-fi viscerale che fa vibrare spina dorsale e basso ventre, facendo della saturazione la sua arma piĂč calda e sensuale.
Una macchina di artiglieria pesante che marcia energica attraverso altoparlanti sconquassati per arrivare dritta dritta alle ghiandole surrenali.

‱ Spotify: ✔

‱ Youtube: ✔

‱ Bandcamp: ✔ (versione digitale, vinile)

,

19 aprile 2021

Klangs Almanach #4⁣

A snake of June⁣
2002, Giappone⁣
Shinya Tsukamoto⁣

Se con il cult “Tetsuo” Tsukamoto dimostra giĂ  nel 1989 delle impressionanti capacitĂ  registiche (nonchĂ© impressionanti turbe psichiche), con “A snake of June” arriva a comporre un autentico capolavoro audiovisivo.
Partendo da una storia di voyeurismo squisitamente giapponese, il regista riesce ad annientare in 77 minuti l’altrettanto tipica repressione sessuale della nazione.

A cura di Elisabetta Di Carlo

16 aprile 2021

Klangs Almanach #3⁣

Galcid – Hope & Fear⁣
(15/02/2021 – Detroit Underground)⁣

Secondo album dell’artista giapponese Galcid, a distanza di quattro anni dall’esordio “Hertz” e intervallato da vari singoli ed EP a nome “SAITO”.

Un diluvio di suoni acidi che colano e sciolgono i synth dai quali sgorgano.

Lucido e scricchiolante come una forchetta su una lastra di cristallo, eppure in qualche modo morbido ed avvolgente.

Chilate di vibrazioni analogiche e gavettoni di una denaturata IDM, ma all’interno di vacillanti anche se pur sempre solidi confini di una techno graffiante, acuta e raffinata.

‱ Spotify: âœ”ïžâŁ

‱ Youtube: âœ”ïžâŁ

‱ Bandcamp: ✔ (versione digitale, vinile)⁣

,

14 aprile 2021

Klangs Almanach #2⁣⁣

A girl walks home alone at night⁣⁣
2014, Stati Uniti⁣⁣
Ana Lily Amirpour⁣⁣

“Un vampiro puĂČ essere molte cose: un serial killer, un romantico, uno storico, un drogato” e tutte queste sfaccettature sono racchiuse nella figura della ragazza che gira di notte da sola tra i vicoli di Bad City.
Amirpour riesce a mettere in scena un vampiro senza precedenti, creando quello che Ăš stato definito come il primo “vampire-western” iraniano, pop e politico allo stesso tempo.

A cura di Elisabetta di Carlo

8 aprile 2021

Ogni settimana vi consigliamo un contenuto musicale (disco, EP, singolo, mixtape, podcast, NFT, e tanta altra roba buona) e un contenuto cinematografico, nuovi o ripescati da quello che piĂč ci piace e che potrebbe essere passato inosservato – per il momento.⁣⁣⁣

_____

Klangs Almanach #1⁣⁣⁣

V.A. – Cold Body Music vol. 1⁣⁣⁣

Per il primo episodio abbiamo scelto questa compilation/mixtape confezionata dalla deliziosa etichetta britannico-finlandese Cold Blow.

Un flusso pressoché ininterroto di suoni cavernosi e rigurgiti di oscure suggestioni; fra distorsioni, crude rumorosità, synth sgangherati e voci che risuonano smostrate riaffiorando da viscere profonde.

Un labirinto di sensazioni dai piĂč che labili confini, che si snoda fra strade sconfortanti ma familiari, piacevolmente opprimenti quanto ruvidamente rassicuranti.

Schegge di cold wave, profumi di esoterismo, aculei di sperimentazione industriale, secchi di noise, e pura, soave, violenta inadeguatezza.

‱ Spotify: âœ–ïžâŁâŁâŁ

‱ Youtube: ✖ (qualche stralcio incompleto)⁣⁣⁣

‱ Bandcamp: ✔ (versione digitale e cassetta)⁣⁣⁣

,
Klang full of beer on tap

28 novembre 2020

Once you open up that Klang door, everything is possible.

26 novembre 2020

Voi fate pure la spesa al supermercato con tutorial annesso.⁣
Noi c’abbiamo Klang Analog Fatness la domenica.⁣
⁣

klang Analog Fatness novembre 2020
,
19 novembre 2020
Doppio. Moltiplicato per 2 e per tutti i suoi multipli.
Doppio come le candeline che spegneremo sulla torta del Klang quest’anno e che, forse, ci tireremo in faccia al calar delle tenebre.
Non fateci finire come quelli che passano il compleanno da soli rinchiusi tra quattro mura.
Abbiamo chiamato tanti begli amici elettronici a suonare per voi.
Tutto il giorno.
?????????̈???? | ?????? ??? ?????_?
Sab 21/11
h. 12.00 – 18.00
w/
_Marco uBiK Bonini
_Mike Papa
_Kiras
_Ludovica Manzo
_Stefano Tashi
_Maria Violenza
_Mai Mai Mai
_Cosimo Damiano

‱ MORE TO BE DEFINED ‱

Connettetevi ai social per i suoni che vi serviranno a farci gli auguri.

2 novembre 2020

Non verremo risucchiati da un vortice spazio temporale senza suono e senza sogno, questa volta.⁣
⁣
Il Klang Ú sempre aperto e continua con la sua programmazione musicale, le birrette spillate e tutto il food di chef Flux nello spazio sanificato e debitamente organizzato delle sue sale.⁣
⁣
Per pranzo, merenda, coworking, sala studio, musica, live. Con questo mood.

,
Abbuffatevi al Klang

30 ottobre 2020

Tutti i piatti e le atmosfere roventi klanghiane sono ora live.

Nella cucina e sul palco.

Tutti i giorni ALL_DAY dalle 12.00 alle 18.00

Se non ci credete, qui il menu.

29 ottobre 2020

Whisper Whisper on the Wall.

Si dice che il Klang sia aperto a pranzo con un nuovo menu lynchiano. Shhhh.

Klang aperto a pranzo
,

28 ottobre 2020

Con Enrico Cosimi, il 3/11 ci incontriamo al Klang per un pomeriggio di chiacchiere analogiche, cibo, musica.

_KLANG ANALOG FATNESS_
Il titolo vi dice tutto, ma per ogni dubbio chiedete al Klanger Alfa.

27 ottobre 2020

_KLANG ANALOG FATNESS⁣_
Workshop w/ @enricocosimi⁣
‱ Behringer Sequencer 960, 961, 962: tips and tricks ‱⁣

EVENTO F.I.F.O su prenotazione.⁣

,
Klang nuovi orari ottobre 2020

26 ottobre 2020

 

Il nuovo concetto/spazio/incontro/condivisione klanghiano sta per prendere forma.⁣
⁣
Un luogo in cui rilassarsi, isolarsi, lavorare, studiare, cibarsi di suono e del food del Klangers chef.
⁣
Tutto questo sarà il Klang, tutti i giorni dalle 12.00 alle 18.00.⁣
⁣
Vogliamo i nostri Klangers famelici.
⁣

25 ottobre 2020

Da giovedÏ 29 torniamo a vivere il sogno, con nuovi orari e un menu rinnovato per questa occasione.⁣

‱ Dalle 12.00 alle 18.00 saremo aperti per pranzo e merenda, nelle nostre sale organizzate anche per il coworking con coperti e sedute debitamente posizionati a distanza di sicurezza, prese per tutti e Wifi gratuito.⁣

‱ I live ci saranno, sempre, dalle 15.00.⁣

Limitiamo gli orari, allunghiamo un po’ le distanze.⁣
Ma l’aria che ascoltiamo e l’atmosfera che respiriamo no, non vogliamo in alcun modo limitarle. Auto cit.⁣

Klang Ăš coworking e sala studio
,
4 ottobre 2020
UNCUT | Klang Cine Zone
Ogni martedĂŹ di Ottobre
h. 21.00
L’uso di questa tecnica lo possiamo trovare in innumerevoli opere cinematografiche, ma con il passaggio al digitale Ăš divenuto possibile realizzare interi film operando un singolo piano sequenza ininterrotto. In queste opere la percezione spazio-temporale della macchina da presa arriva a coincidere direttamente con la fruizione, portando lo spettatore a un livello di coinvolgimento e immedesimazione che nulla ha a che vedere con l’usuale esperienza cinematografica.
4 ottobre 2020
UNCUT | Klang Cine Zone
Ogni martedĂŹ di Ottobre
h. 21.00
Il piano sequenza, dal francese plan-sĂ©quence (lett. “inquadratura-sequenza”), consiste nella realizzazione di una scena senza soluzione di continuitĂ  (“uncut”), attraverso una singola inquadratura. Il primo uso sistematico di questo espediente estetico lo troviamo in Quarto potere (1941), di Orson Welles, la cui analisi portĂČ il critico francese AndrĂ© Bazin a coniare il termine e ad attribuire al piano sequenza una valenza di autentica riproduzione del reale.
,
Hybriden ottobre 2020 Klang

1 ottobre 2020

Munitevi di tute synthetiche.

L’atmosfera del Klang ad ottobre Ăš rovente come quella di nuovo pianeta in avanscoperta.
GravitĂ  00.1 in Via Stefano Colonna, 9.

This is Klang.

1 ottobre 2020

 

Low battery. Please Charge.

Al Klang tutti i giorni trovate il food benefico dello chef Flux in menu dal Pre-Dinner al Late Night.

Un refill totalmente sinestetico.

Come fanno i bravi food blogger, lo trovate qui e qui.

Hybriden settembre 2020 Klang
,
Ferragost at Klang 2

12 agosto 2020

Ferragosto al Klang. #14 e #15 agosto 2020

La piscinetta ce la siamo giocata all’Ennesima Tombolata di m*** dopo il 3(!) Russian Cocaine.⁣

12 agosto 2020

Quest’anno fenicotteri, grandi abbuffate, beer on tap e saluti con i gomiti. Al Klang.⁣

,
Birre alle spine del Klang

8 agosto 2020

There’s a world behind these scraped Klang walls.

Per scoprirlo basta trovare la tap list della settimana sugli schermi del Klang.

5 agosto 2020

Suggestioni sonore, oscillazioni visive, vibrazioni gustative.

Solito posto, tutti i giorni.

Via Stefano Colonna 9, Roma.

 

,

 

1 agosto 2020

Cosa dovete sapere:⁣

– Che resteremo aperti tutto il mese con nuovi orari, dalle 19.00 alle 2.00, in vigore dal 1 agosto;⁣
– I menu Pre-Dinner e Late Night saranno rispettivamente dalle 19.00 alle 20.30 e dalle 23.30 alle 01.00.⁣
– La cucina chiude alle 00.30, quindi se volete dolcetto e liquore c’Ăš il menu Late Night. Se non potete fare a meno dei seziosi piatti di chef Flux, venite prima di mezzanotte.⁣
– Il servizio sarĂ  solo al tavolo, con il menĂč riot usa e getta e i piatti numerati per facilitare l’ordine e mantenere l’igiene;⁣
– Per tutti resta sempre attivo il servizio di asporto previa ordinazione, sempre se volete restare a casa svaccati sul divano senza aria condizionata opportunamente sanificata;⁣
– Presto tutti i live e gli artisti sulle nostre pagine. Restate connessi.⁣
⁣
Per qualsiasi altra informazione, necessitĂ , virtĂč alcolica, il Klang Alfa Ăš sempre disponibile

1 luglio 2020

Come sostenitori dell’abbronzatura lunare, contro il surriscaldamento globale e convinti delle potenzialitĂ  mortali dei raggi UV, ad agosto abbiamo deciso di restare al Klang.⁣
⁣
Hybriden continua in cucina e in live. Tutti i giorni con le stesse regole, ma con nuove oscillazioni sonore.⁣
⁣

,

30 maggio 2020

Hybriden Ăš anche food, con un nuovo menu ideato dal Klang-Chef Flux. Sapevatelo.

30 maggio 2020

Ripartiamo da dove c’eravamo lasciati, nel nostro spazio di suono e cucina e birra che finalmente questa sera si accende di nuovo. Con alcuni cambiamenti necessari.

Ai Klangers delle prime luci sembrerĂ  un po’ “ibrido”, ma non Ăš cambiato nell’essenza.

Fino a che non torneremo a vivere il tempo, Klang ist Hybriden.
Un luogo dove le cose accadono, ma per ora restano per un attimo sospese fra due parallele, come il momento che stiamo vivendo adesso.

,

18 luglio 2019

Prodotti ricercati e di qualitĂ . Provare per credere.
(Momento blog Giallo Zafferano mood on)

15 giugno 2019

Menu estivo in checklist e disegnini.

,

28 maggio 2019

Ma lo sapete che al Klang quasi tutti i giorni della settimana si fa musica che non Ăš solo musica ma Ăš suono e sperimentazione e condivisone e che c’ù un menu che vi permette di mangiare bene senza farvi un mutuo e vi permette di scegliere tutte le cose piĂč goduriose che potreste desiderare mangiare dentro questo posto e accompagnarci le migliori birre che scegliamo e selezioniamo appositamente tra le etichette piĂč particolari artigianali piĂč o meno di nicchia e che sicuramente non potranno mai lasciarvi indifferenti?
Non lo sapevate? Ora sĂŹ.

27 aprile 2019

Calda, soffice, appena sfornata.
E’ la nostra focaccia con olio e rosmarino.
Anzi era.

,

26 marzo 2019

Esperienze condivise di un altro pianeta.

#communityofdreamers

18 febbraio 2019

Alcuni qui, sentono le vibrazioni basse e i fuochi della cucina.

,

15 gennaio 2019

Il food del Klang, qualitĂ  di sostanza: mini pizze, burger, jacket potatoes, fritti e dessert dai sapori autentici e sinceri. Con tutte le birre di nicchia, artigianali, piĂč pop che potete desiderare.

15 dicembre 2018

Le tre dimensioni del Klang (suono, birra, cibo) lo rendono un ambiente di totale accoglienza, sull’esempio dei club europei votati al principio della sperimentazione, dove chi ricerca la piacevolezza puĂČ trovarla declinata in tutte le varianti per vivere in modo completo lo stare insieme.

,

30 novembre 2018

Tutte le sere, burger live.
Apertura porte, ore 19.00
Vi vogliamo affamati .

21 Novembre 2018

Klang – The Birth

,
klang Analog Fatness novembre 2020